Grégory Lemarchal – Le lien

Io adoro il piccolo principe Grégory Lemarchal, riposi in pace. Ne ho già parlato qui.
E dunque oggi voglio proporvi una sua canzone che apprezzo parecchio perché mi comunica voglia di vivere e lottare. È proprio quel che mi serve poiché fondamentalmente sono una persona che si lascia spesso sopraffare dalla pigrizia e dalla paura di compiere passi azzardati.
Il testo è abbastanza criptico e presenta diversi riferimenti esoterici. Vi racconto perciò cosa trasmette a me personalmente.

Quando il cuore è «lordo» e «i ricordi si sgonfiano» come palloncini appartenenti al passato, sorge in me un interrogativo che porrei a chi mi vuole bene.
Gli chiederei: secondo te, per quale motivo vivo a questo mondo? che cosa mi lega a questa vita?
Quale sarà la sofferenza che mi attende e davvero mi renderà un uomo migliore?

Probabilmente sono domande che non hanno una risposta univoca e indubitabilmente vera. Allora inizierei a pensare, come dice il testo, a quelli cui piace sognare ininterrottamente, io come loro.
Lo sguardo si allargherebbe ora in un grandangolo mentale: davanti ai miei occhi apparrebbero coloro che «muoiono per un nonnulla, così lontani, senza una rosa» ed allora «mi dico che improvvisamente le mie paure non sono importanti».

Il testo prosegue con alcuni riferimenti agli arcani maggiori. «L’appeso mi folgora», ed in effetti questo arcano ha spesso rappresentato simbologicamente la mia vita. «Ma poi ecco la luna». Sì, alla luce dell’astro notturno la realtà assume nuove forme e si illumina di colori diversi, forse è l’esperienza che trasforma la mia visione delle cose e mi rende più saggio.

Ora, attraverso le conoscenze accumulate, posso riconciliarmi con l’esistenza (il giudizio). Ma probabilmente resterò sempre fuori da tante dinamiche (l’eremita). Le lame maggiormente positive (sole, imperatice e mondo) mi daranno però ragione, assicurandomi un futuro benevolo.

Ma, adesso, conta vivere l’hic et nunc. E allora «serro ancora i pugni e grido per il domani».
È un urlo liberatorio che mi regala l’energia e la carica per far fronte a ciò che mi aspetta.



Questo è un post di admin scritto in data 21 ottobre 2011 alle ore 13:45 e appartiene alla categoria Chiave di violino. Puoi seguire i commenti a quest'articolo attraverso un feed apposito. Sei invitato a lasciare un commento. Non è consentito il ping.

Scrivi un commento

Protected by WP Anti Spam