Une maladie du sommeil

Ho tradotto anche in francese la prima parte del mio racconto sulla malattia del sonno di Francischiello.
Potete trovare qui le versioni in napoletano, italiano e inglese.

Francischiello avait une maladie du sommeil. Il ne reussissait pas à s’endormir.
Ça faisait cinq mois qu’il ne serrait pas les yeux.
Bon, je sais ce que vous allez dire: ce pauvre garçon aurait dû être mort depuis longtemps si les choses eussent été ainsi.
Mais, à dire la verité, quelquefois il reposait un petit peu: deux heures, peut-être trois ou cinq, mais jamais pour une nuit entière.
Très souvent, même quand il dormait, il se reveillait beaucoup de fois, c’est-à-dire que ses nuits ressemblaient à une lutte.
Il avait demandé conseille à son médicin qui avait répondu qu’il avait attrapé un drôle de virus. Oui, cela ne serait pas arrivé à une personne normale, mais bon, il avait de la chance.
Regagner la santé, d’ailleurs, était effroyablement compliqué: la médecine disait que s’agissait d’un processus spontané, mais jusqu’à la guérison la seule chose qu’on pouvait faire était simplement de croiser les bras.
Franchischiello vivait avec sa mère qui n’était plus toute jeune, puisqu’elle avait plus de soixante-dix années sur ses épaules. Ses nuits étaient un peu meilleures, mais pas optimales: elle dormait d’un sommeil léger, fréquemment interrompu.
En quelques occasions, la veille dame avait dû renoncer à la messe dominicale, tant qu’elle était épuisée, en choisissant en revanche de la regarder à la télé.
Toutefois le temps continuait à s’écouler, la situation ne s’améliorait pas, et personne ne savait comment les choses se seraient développées.
Francischiello, désormais, sentait ses genoux l’abandonner: il était au bord de défaillir ou d’être forcément emmené à l’hôpital.

Il seguito qui, in italiano e napoletano.

Selfie d’epoca

Queste immagini riportano alla mia memoria una bellissima notte in albergo trascorsa con il mio ex.
E poi mi fanno pensare a quando ero un twink ed ero maggiormente in forma.

Vi allego, per completezza, il dropbox con tutti i file non adulterati (clicca qui)

io4


Per una pic vietata ai minori clicca qui (ma non è quasi porno).

Philosophical perspective

From a philosophical perspective, I was thinking that even the people who can command themselves have no guarantee whatsoever of being free and not being influenced by our society.

Magari siete in una posizione di comando in quanto comandate sugli altri e comandate su voi stessi. Magari no.
Comunque, potete essere sicuri di essere liberi e di volere ciò che volete?
Mi riferisco – ovviamente – ai condizionamenti che la società in cui viviamo opera su di noi.
Filosoficamente, pensavo che comandare su sé stessi non significa essere liberi.

Francischiello e la malattia del sonno (seguito)

The first part of this story can be read here in Neapolitan, English, Italian, and French.
This post is in Neapolitan, Italian, and English.

‘A mamma’e Frascischiello s’era preoccupata overamente pe cchello che steva succerenno: ‘e vvote a ‘ntrasatta le sbatteva forte forte ‘o core, o lle faceva male, o pure annuzzava ‘ncanna mente magnava.
“T’he ‘a magnà ‘a ‘nzalata”, ricette ‘na vota ‘a vicchiarella.
“Ma che ce azzecca mo’ ca stammo parlanno ‘e ‘n’ata cosa?”, rispunnette isso.
“ Aggio penzato ‘na cosa e nn’aggio ritta ‘n’ata, nun saccio comme mm’è venuto”, ricette essa.
“Ne parlammo aroppo a colazzione”.
Quanno fuje ‘o mumento, tutt’e dduje abbiajeno a mmagnà.
“Mammà, famme duje fenucchie dimane”.
“Ma si nun t’hanna maje piaciute?”
“Eh, ‘o ssaccio, ma mo’ all’immece me piàceno. Aggio cagnato penziero, mica ce adda piacé sempe ‘a ssoccia cosa”
“Pure ‘e fenucchie piccerille te piaceno mo’?”
“Guarda, ‘int’a ‘sti mise, aró vaco vaco, sento ‘e pperzone ca ‘e mmetteno ‘ntrirece”.
Passaje ‘o tiempo. A Francischiello l’avutava ‘a capa e se senteva stracquato, però quann’era ‘o mumento ‘e se i’ a cuccà teneva l’energia pe ddint’’o sanghe e le passava ‘o suonno. O pure ‘int’a nuttata heva i’ a fa’ ‘e bbisogne.
Però a ‘rraggiunà, arraggiunava bbuono e ‘a capa ce ‘o ddeva.
Ma a ‘ntrasatta ‘na matina se sentette ‘n’arrucchiamiento ‘e penziere pe ddint’a capa, e accummenciaje a ‘scì pazzo.
Ma, tre ore roppo, steva buono ‘n’ata vota. Però nun se puteva i’ annante accussì.

La mamma di Francesco era davvero preoccupata per ciò che stava succedendo: a volte improvvisamente iniziava a batterle il cuore forte forte, o avvertiva dolori al petto, od anche il cibo le andava di traverso.
“Devi mangiare l’insalata”, intimò la vecchietta un giorno.
“Ma che c’entra ora che stiamo parlando di tutt’altro?”, rispose lui.
“Ho pensato ad una cosa e ne ho detta un’altra, non so come mai”.
“Ne parliamo a colazione”.
Quando si fu fatta l’ora, i due cominciarono a mangiare.
“Mamma, preparami due finocchi domani”
“Ma se non ti sono mai piaciuti?”
“Lo so, ma ora mi piacciono. I miei gusti sono cambiati, mica deve piacerci sempre la stessa cosa”.
“Anche i finocchi piccoli ti piacciono ora?”
“Be’, in questi mesi, dovunque vada sento la gente che ne parla”.
Passò il tempo. A Francischiello doleva la testa e si sentiva stanco, ma al momento di mettersi a letto l’energia gli circolava nel sangue ed il sonno gli passava. O anche, nel corso della notte, doveva espletare i suoi bisogni fisiologici.
Però ragionava bene ed era pienamente in sé.
Ma, improvvisamente, una mattina, gli si affollarono mille pensieri matti in capo e perse il senno.
Tre ore dopo era di nuovo in sé. Ma non si poteva continuare in questa guisa.

Francischiello’s mother was really distressed about the state of things: at times her heart started racing or hurting, or in other instances the food stuck in the gullet.
“You gotta eat your salad,” she said once.
“That’s not related, mom. We’re not talking about this.”
“I know, I just didn’t say what I was thinking,” she replied straight back.
“Ok, let’s talk it over breakfast.”
And so when the time came, the two of them started to eat.
“Why don’t you cook some little fennels tomorrow?”
“But you hate them, don’t you?”
“No, mom, now I like ‘em. I changed my mind, you see? Things evolve!”
“I’m baffled.”
“Yeah, you’re right. But, you see, even those who publicly despise them keep ranting behind closed doors about how tasty they are.”
Time wore on and Francischiello’s head kept hurting. On top of that, he felt weary and drained all day long. But when it was time to hit the sack a weird energy kicked in out of nowhere, and he wasn’t sleepy anymore. Not to mention the numerous times he had to drag himself out of bed for his physiological needs.
On the whole though he was in his right mind in a lucid mood. One morning however his thoughts appeared to be jumbled and deranged and he lost his marbles.
Three hours later he had regained his former self. But something had to change.

Macchine imperfette e stupide

Oggi pensavo a come essenzialmente i nostri cervelli siano macchine imperfette e stupide, schiave della chimica.
Quindi — fantascientificamente — se potessimo programmarli per rilasciare dopamina a nostro piacimento, potremmo alterare i gusti e le preferenze degli uomini.
La cosa brutta è che, in quel caso, potremmo essere anche programmati per sviluppare preferenze discutibili (poniamo l’esempio della necrofilia o quello della pedofilia).
Questo non è un problema per individui come il sottoscritto, da sempre geneticamente dotati di un grande senso della moralità, ma potrebbe mettere in difficoltà qualcuno in cui l’area dell’autocontrollo funzioni meno bene.
Volevo spiegare questi concetti a parole mie, ma penso siano già illustrati in modo magistrale in questo libro di John Polito. Il discorso era originariamente riferito allo smettere di fumare, ma può senza dubbio essere esteso.

[…] Our brain dopamine pathways [are] the mind’s survival instincts teacher and motivator.
The primary purpose of that brain circuitry is to make activating events extremely difficult to forget or ignore.  
[…] Remember how you felt as a child when first praised by your parents or teachers for keeping your coloring between the lines or for spelling your name correctly? Remember the “aaah” satisfaction sensation? Remember that same feeling after making and bonding with a new friend? “Aaah!”  
We had just sampled the mind’s motivational reward for accomplishment and peer bonding. An earned burst of dopamine was followed by an “aaah” wanting satisfaction sensation. It caught our attention, alerted us to what was important, and created a memory of the event that would help establish future priorities.  
Bursts of dopamine were also felt when we anticipated accomplishment, peer bonding or other species survival activities. We were now being motivated and working to satisfy dopamine pathway wanting, the “aaah” relief sensation felt when anticipating or experiencing desire’s satisfaction.  
[…] Dopamine pathways are present and strikingly similar in the brains of all animals. They originate in the deep inner primitive, compulsive region of the brain known as the limbic mind […] Our dopamine pathways are the source of survival instinct anticipation, motivation and reinforcement. Hard-wired instincts include eating food, drinking liquids, accomplishment, companionship, group acceptance, reproduction and child rearing.
Our brain dopamine pathways cause our compliance with wanting to be recorded in high definition memory, in our forehead just above our eyes (our prefrontal cortex). It’s what researchers call “salient” or “pay attention” memories […] The tease of thousands of old wanting satisfaction memories can be triggered by a physical bodily need, by subconscious habit conditioning, or by conscious concentration, fixation and desire.
Once their collective influence is triggered, as though bombarded by a thousand points of light, we have no choice but to recall exactly what needs to be done in order to satisfy wanting […]
Why can’t we starve ourselves to death? Not only is wanting for food satisfied with dopamine “aaah” relief sensations when we anticipate eating or actually do so, we are punished with anxieties and cravings when we wait too long between meals […]
[What if] our hijacked priorities teacher was fooled and started teaching a false lesson[?]. […] We [would] rationalized irrational behavior because of the neuro-chemical relief from wanting […]

Copyright John R. Polito 2009, 2016
All Rights Reserved
http://whyquit.com/ffn/index.html

(I believe these few lines, excerpted from John Polito‘s book “Freedom from nicotine“, can be reproduced here because of the law on fair use. However I’m not a lawyer, so I might be wrong. In that event, an email will be sufficient for me to remove them as soon as possible. You can read the whole book by visiting the whyquit.com website, and I strongly recommend you do that, since it helped me to a considerable extent when I quit smoking. The book can also be bought on Amazon by clicking here.)

Question time: Ci sono altri momenti sgradevoli nel tuo passato?

Si potrebbero citarne tanti (come ovviamente capitano a qualunque essere umano).
Tra le varie sventure, ad esempio, ho subìto da neonato l’otturazione del canale lacrimale a cui hanno provato a rimediare senza anestesia, causandomi grande dolore. In quel tempo mi raccontano pure di un’infezione purulenta al glande, di tante febbri e malattie esantematiche, episodi di epistassi, e infine di un termometro non funzionante che non era in grado di avvisare quando la temperatura saliva.
Poi, qualche anno fa, ho sofferto di vari problemi intestinali, quali stitichezza, diarrea, tenesmo eccetera, con la formazione di una ragade sanguinante, avvertita all’autopalpazione. Ciò ha comportato pure il prolasso delle emorroidi, di cui anche mi sono accorto al tatto.
L’infanzia, comunque, è stata un bel periodo, anche se di tanto in tanto accadeva qualche inconveniente casuale.
Prima mi veniva alla mente quando, a pochi anni di età, il mio corpo è stato varie volte attraversato dalla conseguenza diretta dell’applicazione di una differenza di potenziale (ve l’ho detto che sono geek oggi, no?). Per sbadataggine ho toccato lì dove non dovevo e…
Lo riporto perché recentemente ho avuto un’epifania proustiana. Ero a lezione di inglese, la mia insegnante mi sedeva di fronte mentre smanettava con il cellulare rivolto verso di me, e improvvisamente ho ricordato quei sintomi provati da bambino.
Il fenomeno delle madeleine è stato così intenso che ho avvertito prima un rimescolio interno e poi, subito dopo, non mi son sentito bene, fin quasi a perdere l’equilibrio.
Tutto ciò dimostra come la memoria possa essere davvero una facoltà spaventosa, oltre che magnifica nel caso in cui ci consenta di rivivere qualche bella esperienza, come le tantissime che ho ricevuto in sorte.

Le varie modalità del mio pene

io2011

Io nel 2011

Per voi amici geeksessuali (individui che trovano piacere nel conoscere il precisissimo funzionamento di un pene descritto in un linguaggio tecnico) ho deciso di condividere con voi tutto ciò che riguarda il mio e fornirvene prova.
Se i vostri gusti sessuali sono differenti, passate al post successivo.

Poco fa avevo voglia di masturbarmi, ma il pene rimaneva completamente flaccido e non riusciva ad ottenere la benché minima erezione.
Dovete dunque sapere che esso funziona in modo variabile. In maniera ironica e geek, faccio riferimento al concetto di modalità.

Ve ne sono diverse:
1. Modalità flaccida (non ottengo nessuna erezione)
2. Modalità +1 cm (ottengo un piccolissimo ingrossamento)
3. Modalità quasi dura (ottengo un’erezione quasi completa)
4. Modalità durissima (ottengo un’erezione marmorea)

Con le modalità 1 e 2 non sono in grado di eiaculare (sottomodalità EN), con la 3 e la 4 sì (sottomodalità EY).
Anche l’eiaculazione può essere modesta (sottomodalità LC) o copiosa (sottomodalità MC). Inoltre posso eiaculare immediatamente (sottomodalità EP) oppure dopo un certo tempo (sottomodalità LL). Tutto ciò a prescindere dalla mia stanchezza o dalla distanza dall’ultimo atto onanistico.
Per finire la velocità con la quale mi eccito può essere molto rapida (sottomodalità HS) oppure molto lenta (sottomodalità LS), ed in quest’ultimo caso per avere l’erezione è richiesta una prolungata stimolazione manuale. Detta erezione, poi, può andare via immediatamente, non appena si cessi di stimolarla (sottomodalità NBWYS), dopo un poco (sottomodalità NBAAW), oppure rimanere al suo posto per ore senza che la si tocchi (sottomodalità LASBON)
Nel corso della mia vita sono generalmente stato quasi sempre in modalità quasi dura con attive le sottomodalità EY, LC, EP, HS, NBAAW.
Negli ultimi mesi, invece, noto che, pur non assumendo farmaci, il comportamento è estremamente mutevole: per celia dico che il pene si aggiusta e si scassa.
Sono alcuni anni comunque che la sottomodalità HS è disattiva, sostituita dalla LS. Se dovessi inoltre esaminare la sensazione di piacere che si è accompagnata all’attività sessuale nel corso della mia vita, direi che essa può essere debole, forte o fortissima.
Riguardo all’emissione di liquido prespermatico, invece, generalmente non ne produco, ma raramente è capitato. Lo sperma poi può avere una consistenza annacquata oppure cremosa e luccicante, ed in passato mi è capitato di constatare che esso venisse emesso con forza sino a schizzarmi i capelli. La lunghezza del membro completamente duro varia dai 15 ai 21 cm secondo quanto ho potuto misurare con squadra, ma non escludo la possibilità di altri valori inferiori o superiori mai accertati.
Il getto d’urina, infine, può essere diritto, obliquo, o rivolto in più direzioni contemporaneamente.

In ogni caso, ho deciso oggi  di rendere pubblici i miei filmati autoprodotti di masturbazione dedicati ai miei ex, ed altri ancora, più recenti.
I primi  hanno più di qualche anno (ma ero maggiorenne).

Tenete presente tuttavia nel visionare questi filmati che:


Il pene si trova sempre in modalità quasi dura (quindi può essere molto meglio di così).

My penis is always in quasi-hard mode, so it can be much better than this
.



Il protagonista sono io, e ciò si nota dal mio volto, ma anche dalle poltrone o piastrelle del mio salotto.
Dato il carattere pornografico, siete invitati a cliccare sul link solo se adulti, consenzienti, geeksessuali o geekcuriosi.

Clicca qui per scaricare le mie vecchie seghe. (Altri link dello stesso file: qui o qui o anche qui.)

Invece qui (altri link qui e qui)  potete scaricare dei nuovi tentativi di sega, registrati nel corso di quest’anno, in cui osservate ad esempio le modalità di lenta erezione e quella di pene flaccido, ahahaha. Non sono in forma, ma mi rifarò.

Qui potete scaricare due tentativi di sega di oggi 30 agosto. Osservandoli potete notare il diverso comportamento dell’organo, a distanza di poco tempo (nel primo file, ad esempio, potete assistere ad una erezione incompleta con eiaculazione precoce).

Qui potete osservare il mio pene in modalità semidura più da vicino. La metto a disposizione poiché essa documenta anche come i miei testicoli siano abbassati.

Comunque, se doveste avere dei problemi nel download, siete invitati a contattarmi personalmente e sarà mia cura inviarvi gratuitamente i file zip.

L’articolo ha subìto delle modifiche dopo la sua pubblicazione.

Francischiello e la malattia del sonno

Napulitano

Italiano

English

Français

Español

Napulitano:

Francischiello teneva ‘a malatìa d”o suonno. Nun durmeva.
Erano cinche mise ca nun puteva azzeccà ll’uocchie.
‘O ssaccio già chello ca starrate dicenno: ‘stu crestiano avesse ‘a avuto ‘a murì si ‘overamente ‘e ccose steveno accussì.
Ma, pe ddicere ‘a verità, ogne ttanto ‘nu poco rurmeva: ‘nu paro d’ore, o pure tre, quatto, cinche, ma nun se faceva maje ‘na nuttata chiena chiena. Spisso po’, quanno pure durmeva, se scetava tanta ‘e chelli vvote ca ‘o ssuojo nun era arrepusà, ma assumegliava cchiù assaje a ‘nu cummattemiento.
Aveva cercato cunziglio ‘o miereco suojo, e isso ce aveva ditto ca teneva ‘nu virùs, uno ‘e chilli virùs streveze, ca nun se piglia maje nisciuno, e – datose ca teneva ‘a ciorta – era attuccato propetamente a isso.
A esse sanato po’ era ‘nu prubblema ruosso assaje: ‘o fatto passava a pp’isso, ma ‘nzino a che nun passava niente se puteva fa’.
Francischiello teneva pure ‘na mamma ca teneva ‘n’aità: cchiù ‘e sittant’anne.
‘A signora durmeva ‘nu poco meglio ‘e isso, ma però manco durmeva bbuono. Teneva ‘nu suonno lieggio lieggo e pur’essa se scetava spisso.
Cocche ddummeneca era succieso ca ‘a vicchiarella nun heva tenuto nemmanco ‘a forza ‘e i’  a messa, tanto ch’era stracquata, e se ll’era avuta ‘a guardà pe ddint”a televisione.
‘E tutte manere, ‘o tiempo passava e ‘o fatto nun cagnava, e comme fosseno jute a ffernì ‘e ccose, nisciuno ‘o ssapeva.
Franchischiello, sempe cchiù assaje, se senteva ascevolì pe ddint”e ddenocchie, e poco ce mancava ca nu’ scapezzava ca faccia ‘nterra, o che ccoccheruno ‘o purtava pesolo pesolo ‘o spitale.
(Fine d”a parte primma)

Italiano:

Francischiello aveva la malattia del sonno. Non dormiva.
Erano cinque mesi che non riusciva a chiudere gli occhi.
So già cosa direte: questo disgraziato avrebbe dovuto esser crepato da un pezzo se le cose fossero state veramente così.
Ma, a dire il vero, ogni tanto dormiva un pochetto: un paio d’ore, forse tre, quattro, cinque – ma giammai per una notte piena.
E spesso, quand’anche dormiva, si svegliava così tante volte che il suo non era un riposare, ma piuttosto un combattimento.
Aveva chiesto un’opinione al suo medico che gli aveva risposto che s’era un buscato un virus, uno di quei virus così particolari che nessuno li prende mai, ma ch’era toccato proprio a lui in ragione della sua grande fortuna.
Ritornare in salute, poi, era molto complicato: il tutto sarebbe avvenuto in modo spontaneo, ma, finché la guarigione non si verificava, c’era poco da fare.
Francischiello viveva con sua madre, ch’era anziana: infatti aveva più di settant’anni.
La signora dormiva un po’ meglio, ma certamente non bene: il sonno era leggero, e lei pure si svegliava sovente.
Alcune volte, di domenica, era successo che la vecchiettina non aveva avuto nemmeno la forza di andare a messa per via della stanchezza, e perciò aveva dovuto guardarla in televisione.
Il tempo, comunque, seguitava a passare, e le cose non cambiavano di una virgola. Nessuno conosceva, del resto, come la faccenda sarebbe andata avanti.
Francischiello ormai sentiva le ginocchia cedere ed era sul punto di svenire, o magari di essere portato di peso all’ospedale.
(Fine prima parte)

My English translation:

Francischiello’s sleep sickness
Francesco had developed a sleep sickness. He never slumbered.
Never could he sleep a wink in the past five months.
Yes, I know what you are thinking: this poor fellow should have been long dead if such were the state of things.
But, truth to be told, sometimes he managed to scrape together a few hours’ sleep. Not so many, though: maybe a couple or even three, four, five – but he never slept soundly like a log.
In the rare occurrences in which he did repose, he was awoken so many times that one should have had to label those hours more like a toil and struggle, for that matter.
So he went for advice to his doctor, only to be told that he had caught a virus, a very peculiar one, the one virus that you would expect never to catch.
Anyway, in virtue of him being so remarkably lucky, he’d been the chosen one.
Being healed was no easy deal: things woud fix themselves up – they said – but, until that time, nothing could be done.
And what about Francischiello’s mother? Well, she was long in the tooth, being a little over seventy.
But she could sleep a little better than him, although very poorly. Nonetheless, her sleep was frail and she was frequently awoken just like Francischiello.
Some of those Sundays, the old lady – being utterly exhausted – had to give up the intention of attending the mass, and remained home instead, turning the TV on.
Anyway, time elapsed and things stayed the same, and no one knew how they would have turned out to be.
But Francischiello was increasingly on the brink of swooning, and his legs were about to give way. So, more suitably, he was on the verge of falling flat on the floor, only to be forcibly hoisted and ushered to the local hospital.

Ma traduction en français:

Francischiello avait une maladie du sommeil. Il ne reussissait pas à s’endormir.
Ça faisait cinq mois qu’il ne serrait pas les yeux.
Bon, je sais déja ce que vous allez dire: ce pauvre garçon aurait dû être mort depuis longtemps si les choses eussent été ainsi.
Mais, à dire la verité, quelquefois il reposait un petit peu: deux heures, peut-être trois ou cinq, mais jamais pour une nuit entière.
Très souvent, même quand il dormait, il se reveillait beaucoup de fois, c’est-à-dire que ses nuits ressemblaient à une lutte.
Il avait demandé conseille à son médicin qui avait répondu qu’il avait attrapé un drôle de virus. Oui, cela ne serait pas arrivé à une personne normale, mais bon, il avait de la chance.
Regagner la santé, d’ailleurs, était effroyablement compliqué: la médecine disait qu’il s’agissait d’un processus spontané, mais jusqu’à la guérison la seule chose qu’on pouvait faire était simplement de croiser les bras.
Franchischiello vivait avec sa mère qui n’était plus toute jeune, puisqu’elle avait plus de soixante-dix années sur ses épaules. Ses nuits étaient un peu meilleures, mais pas optimales: elle dormait d’un sommeil léger, fréquemment interrompu.
En quelques occasions, la veille dame avait dû renoncer à la messe dominicale, tant qu’elle était épuisée, en choisissant en revanche de la regarder à la télé.
Toutefois le temps continuait à s’écouler, la situation ne s’améliorait pas, et personne ne savait comment les choses se seraient développées.
Francischiello, désormais, sentait ses genoux l’abandonner: il était au bord de défaillir ou d’être forcément emmené à l’hôpital.

Mi traducción en español:

Francischiello tenía una enfermedad del sueño. No lograba dormir.
Llevaba cinco meses sin cerrar los ojos.
Ya sé lo que vais a decir: este pobrecito habría debido ser muerto hace un montón de tiempo si las cosas fueran realmente así.
Pero, a decir verdad, cada tanto dormía un poco: unas horas, quizás tres o cinco, pero nunca toda la noche.
Y, aunque dormía, se levantaba así tantas veces que su descanso se parecía a una batalla.
Por eso pidió un remedio a su médico. El doctor le contestó que él había cogido un virus muy peculiar, tan raro que habitualmente nadie lo tomaba, pero dichosamente él tenía mucha fortuna.
La curación no era fácil, todavía se habría producido de forma espontánea y, hasta aquel momento, lo único que se podía hacer era cruzar los brazos y esperar.
Francischiello compartía el cuarto con su madre que era bastante añosa y tenía más de setenta años.
Ella reposaba mejor que su hijo, pero de forma claramente insatisfactoria: su sueño era liviano y también se despertaba a menudo.
Y a veces, en algunos domingos, la viejecita no pudo tampoco ir a misa por causa de su extremo casancio y decidió, provisionalmente, seguirla por televisión.
Pero el tiempo continuaba avanzando y nada cambiaba y lo difícil era anticipar cual sería el final.
Francischiello ahora ya se sentía desfallecer y las fuerzas le faltaban. Por eso arriesgaba ser llevado al hospital.


* The story continues here.

* Il séguito qui.

Pagina 8 di 39« Prima...678910...2030...Ultima »