Suicide prevention

Suicide prevention is an umbrella term for the collective efforts of local citizen organizations, mental health practitioners and related professionals to reduce the incidence of suicide. Beyond just direct interventions to stop an impending suicide, methods also involve a) treating the psychological and psycho-physiological symptoms of depression, b) improving the coping strategies of persons who would otherwise seriously consider suicide, c) reducing the prevalence of conditions believed to constitute risk factors for suicide, and d) giving people hope for a better life after current problems are resolved.

General efforts have included preventive and proactive measures within the realms of medicine and mental health, as well as public health and other fields. Because protective factors such as social support and connectedness, as well as environmental risk factors such as access to lethal means, appear to play significant roles in the prevention of suicide, suicide should not be viewed solely as a medical or mental health issue.[1][2] Suicide prevention is risky for helping professionals in terms of practitioner emotional distress and risk for malpractice suits.[3]

(Source: Wikipedia)

Erectile dysfunction

Continuo a scrivere alcuni post (con materiale preso dal web) dedicati ad argomenti di medicina che mi coinvolgono personalmente in seguito all’interesse che suscitano in me.

Erectile dysfunction (ED) or impotence is sexual dysfunction characterized by the inability to develop or maintain an erection of the penis during sexual activity in humans.[1] A penile erection is the hydraulic effect of blood entering and being retained in sponge-like bodies within the penis. The process is most often initiated as a result of sexual arousal, when signals are transmitted from the brain to nerves in the penis. The most important organic causes are cardiovascular disease and diabetes, neurological problems (for example, trauma from prostatectomy surgery), hormonal insufficiencies (hypogonadism) and drug side effects.

Psychological impotence is where erection or penetration fails due to thoughts or feelings (psychological reasons) rather than physical impossibility; this is somewhat less frequent but can often be helped. Notably in psychological impotence, there is a strong response to placebo treatment. Erectile dysfunction can have severe psychological consequences as it can be tied to relationship difficulties and masculine self-image.

Besides treating the underlying causes such as potassium deficiency or arsenic contamination of drinking water, the first line treatment of erectile dysfunction consists of a trial of PDE5 inhibitor drugs (the first of which was sildenafil or Viagra). In some cases, treatment can involve prostaglandin tablets in the urethra, injections into the penis, a penile prosthesis, a penis pump or vascular reconstructive surgery.[2]

The Latin term impotentia coeundi describes simple inability to insert the penis into the vagina; it is now mostly replaced by more precise terms, such as erectile dysfunction (ED). The study of erectile dysfunction within medicine is covered by andrology, a sub-field within urology. Research indicates that erectile dysfunction is common, and it is suggested that approximately 40% of males suffer from erectile dysfunction or impotence, at least occasionally.[3]

(Source: Wikipedia)

Elettrocardiogrammi

Come cambia il tracciato del nostro ECG quando ci alleniamo? Vi propongo i miei ECG prima e dopo la palestra, così potete vedere le differenze.
Non so se le apparecchiature che li hanno eseguiti siano affidabili, ma immagino di sì.

Potete scaricare i miei ECG e relativi referti del periodo 2008-2012 cliccando qui (o qui).
Sarebbe interessante anche valutare i cambiamenti alla funzionalità respiratoria, ma l’unica spirometria l’ho effettuata alla visita di leva e non ne dispongo.

HIV/AIDS

Continuo a scrivere alcuni post (con materiale preso dal web) dedicati ad argomenti di medicina che mi coinvolgono personalmente in seguito all’interesse che suscitano in me.

Dyspnea

Continuo a scrivere alcuni post (con materiale preso dal web) dedicati ad argomenti di medicina che mi coinvolgono personalmente in seguito all’interesse che suscitano in me.
Ho approfondito la dispnea ricordando che in passato potevo respirare molto meglio. In questi ultimi anni, invece, nonostante vi sia variabilità, in nessun momento ho la capacità respiratoria che avevo prima del 2013.

Cardiovascular disease

Inizio a scrivere alcuni post (con materiale preso dal web) dedicati ad argomenti di medicina che mi coinvolgono personalmente in seguito all’interesse che suscitano in me.
In questo caso il mio interesse è motivato dal fatto di aver sofferto per mesi di forti dolori cardiaci.

Cardiovascular disease (CVD) is a class of diseases that involve the heart or blood vessels.[1] Cardiovascular disease includes coronary artery diseases (CAD) such as angina and myocardial infarction (commonly known as a heart attack).[1] Other CVDs are stroke, hypertensive heart disease, rheumatic heart disease, cardiomyopathy, heart arrhythmia, congenital heart disease, valvular heart disease, carditis, aortic aneurysms, peripheral artery disease, and venous thrombosis.[1][2]

The underlying mechanisms vary depending on the disease in question. Coronary artery disease, stroke, and peripheral artery disease involve atherosclerosis. This may be caused by high blood pressure, smoking, diabetes, lack of exercise, obesity, high blood cholesterol, poor diet, and excessive alcohol consumption, among others. High blood pressure results in 13% of CVD deaths, while tobacco results in 9%, diabetes 6%, lack of exercise 6% and obesity 5%. Rheumatic heart disease may follow untreated strep throat.[1]

It is estimated that 90% of CVD is preventable.[3] Prevention of atherosclerosis is by decreasing risk factors through: healthy eating, exercise, avoidance of tobacco smoke and limiting alcohol intake.[1] Treating high blood pressure and diabetes is also beneficial.[1] Treating people who have strep throat with antibiotics can decrease the risk of rheumatic heart disease.[4] The effect of the use of aspirin in people who are otherwise healthy is of unclear benefit.[5][6] The United States Preventive Services Task Force recommends against its use for prevention in women less than 55 and men less than 45 years old; however, in those who are older it is recommends in some individuals.[7] Treatment of those who have CVD improves outcomes.[1]

Cardiovascular diseases are the leading cause of death globally.[1] This is true in all areas of the world except Africa.[1] Together they resulted in 17.3 million deaths (31.5%) in 2013 up from 12.3 million (25.8%) in 1990.[2] Deaths, at a given age, from CVD are more common and have been increasing in much of the developing world, while rates have declined in most of the developed world since the 1970s.[8][9] Coronary artery disease and stroke account for 80% of CVD deaths in males and 75% of CVD deaths in females.[1] Most cardiovascular disease affects older adults. In the United States 11% of people between 20 and 40 have CVD, while 37% between 40 and 60, 71% of people between 60 and 80, and 85% of people over 80 have CVD.[10] The average age of death from coronary artery disease in the developed world is around 80 while it is around 68 in the developing world.[8] Disease onset is typically seven to ten years earlier in men as compared to women.[11]
(Source: Wikipedia)

15310703_10211760284552049_408541484_n

closeup

Il tumore di Pablo

Ho redatto le righe che seguono in un giorno in cui scrivere mi era particolarmente difficoltoso, sicuramente perché avevo dormito poco. Pensai allora di delineare almeno la bozza di un romanzo.
Il tumore è un pretesto narrativo per l’elencazione di una serie di deficit, alcuni presenti da sempre, altri temporanei e intermittenti. Tale lista ha la funzione di introdurre dei prolegomeni narrativi: infatti ogni capitolo dell’opera che ho in mente si dedicherà a considerare le ripercussioni di ciascuna limitazione sull’esistenza del protagonista.

Pablo, tumore cerebrale e varie metastasi.
Pablo non ricorda data;
non ricorda tante cose delle lingue e non sa più parlarle adeguatamente, nonostante ne conosca il lessico; tuttavia, quando prende le medicine contro l’edema, è di nuovo in grado di esprimersi con sicurezza e fluidità;
l’apprendimento gli è più difficoltoso;
non riesce a fare l’interprete in simultanea tra lingue che conosce e in generale ad eseguire due cose contemporaneamente;
le sue capacità retoriche e discorsive sono peggiorate (oggi esita a volte mentre parla, dimenticandosi continuamente quello che sta per dire, e in certi momenti non è più in grado di improvvisare un discorso senza scrivere prima la scaletta di quello che dirà);
non ricorda molti concetti appresi a scuola o per conto suo;
non ha buona memoria a breve termine;
non sa disegnare;
ha una mobilità dei muscoli facciali limitata;
scrive con maggiore sforzo e soprattutto ha difficoltà nei componimenti lirici e nella redazione di racconti fantastici completamente inventati;
ha difficoltà nel tenere a bada la rabbia;
non ricorda i propri sogni;
distingue destra e sinistra con maggiore difficoltà;
talvolta ha problemi nel badare all’igiene personale;
non sa cantare da solo con una normale base musicale ed anche accompagnarsi ad altri gli è diventato difficile;
non ha coordinazione motoria, perciò per esempio ballare la macarena e gli altri balli latinoamericani gli risulta difficile;
non distingue con precisione le sfumature ed abbinare i colori non è il suo punto forte;
non sa fischiare, spernacchiare, fare un palloncino con una gomma da masticare;
è stato in palestra a lungo, ma non ricorda esercizi basilari che ha eseguito tante volte;
non respira bene e gli manca l’aria;
non riesce a montare e smontare oggetti complessi con faciltà, né ad eseguire puzzle;
il suo gusto e l’odorato sono molto peggiorati;
ha poco senso dell’orientamento;
ricorda con difficoltà i nomi delle strade e delle persone;
non assimila pienamente ciò che legge: spesso non associa le parole ai concetti corrispondenti, o non riesce ad esempio a comprendere con immediatezza a cosa alcuni pronomi si riferiscano; ne segue che un testo scritto in modo non elementare non è più alla sua portata o richiede un grande lavorio;
non ricorda quello che ascolta, pertanto ascoltare ad esempio uno show radiofonico non è più alla sua portata;
non ricorda i titoli delle canzoni;
frequentemente non può interpretare numeri con diverse cifre nelle lingue straniere;
non può seguire un film con molti personaggi e ha difficoltà con quelli con pochi; in passato aveva difficoltà solo con i film complessi, segno di qualche lesione possibilmente di differente natura; idem dicasi per i libri;
non riconosce le facce che non conosce intimamente, anche se di persone famose;
aprassia (difficoltà nello sbucciare la frutta, nel cucinare, nell’eseguire le faccende di casa, nel piegare vestiti, nell’abbottonare camicie, nel maneggiare oggetti delicati, etc.);
non è in grado di giocare, ad esempio, a ping pong;
difficoltà nel riconoscere alimenti, piante, fiori, animali, frutti, tessuti, eccetera;
difficoltà nel memorizzare i nomi di persone appena incontrate;
scrive al computer usando solo un dito;
sopravvenute difficoltà nella guida (parcheggiare, retromarcia, sorpassi, consapevolezza della propria posizione nella carreggiata);
impossibilità di seguire una partita di calcio;
l’arte gli comunica poche sensazioni;
a volte legge senza capacità recitative;
la sua creatività non è più la stessa di un tempo;
la musica gli trasmette meno emozioni;
avverte ridotta sensazione di piacere (nel sesso, nell’assumere alcol, e così via);
ora si ubriaca con difficoltà;
quasi assente stimolo di far sesso e il pene funziona male (o per nulla) con capacità erettive, eccitative ed eiaculative alterate; non riesce più ad eccitarsi quando assiste a qualcosa di eccitante, ma ha bisogno di stimolarsi manualmente;
forza muscolare ridotta;
ridotta sensazione di paura e di vergogna;
allentamento dei freni inibitori;
non può più piangere;
sopravvenuta marcata insensibilità a tutto ciò che accade attorno a lui e ridotta capacità di emozionarsi o provare sentimenti affettivi;
non trova alla sua portata imparare a suonare uno strumento;
difficoltà nell’identificare la posizione geografica di un luogo;
non sa giocare a carte in modo soddisfacente;
impossibilità di apprendere sistemi di scrittura usati da altre lingue;
difficoltà nel parlare una lingua con i casi;
difficoltà nel leggere il pentagramma;
difficoltà in geografia, storia, anatomia, mitologia, matematica, chimica, disegno tecnico e artistico;
peggioramento nella velocità e nella accuratezza della calligrafia;
difficoltà nell’interpretare immediatamente nomi come cugino, nuora, e così via;
peggiori qualità e durata del sonno, continuamente interrotto e con sveglia molto presto;
difficoltà nelle parole crociate e giochi similari;
difficoltà nel lavare alcune superifici dentali;
scarse abilità natatorie;
impossibilità, a differenza degli altri, di discutere con persone che siedano lontane in locali moderatamente rumorosi;

VARIABILITÀ di alcuni e solo alcuni di questi sintomi, probabilmente per via del riassorbimento dell’edema che circonda queste masse tumorali. Molti sintomi invece sono sempre stati lì e mai andati via, altri sono insorti in tempi più recenti, altri ancora sono stati risolti.
Pablo deve quindi rinunciare a fare tutte (alcune di?) queste cose?

Anche riguardo alla voce (intesa come tonalità ed estensione nel canto) Pablo ha notato alterazioni significative.

In diretta ora, 19 maggio 2016 ore 15.46

Potete guardarmi in diretta qui:

https://it.chaturbate.com/paulmcpaul82/

Pagina 12 di 39« Prima...1011121314...2030...Ultima »